Agriturismo con Degustazione Vini, Camere con Colazione San Gimignano
Giorno di arrivo
Giorno partenza
ospiti

Chi Siamo

Quella per questa terra è un’attrazione fatale. Impossibile non amarne le dolci colline i cui frutti si trasformano in vino e olio che tutto il mondo ci invidia. Restare indifferenti al fascino della sua storia secolare. Difficile non credersi immersi in una fiaba quando le lucciole ti accompagnano lungo la piccola strada che porta fino alla porta di San Gimignano, non cadere incantati davanti agli scorci rubati sulle sue torri.

Fin da quando eravamo giovanissimi, Guardastelle ha rappresentato un sogno e una sfida. È il nostro passato, con le tradizioni e la passione che la famiglia ci ha trasmesso. Ed è allo stesso tempo il futuro che ogni giorno costruiamo con amore e dedizione, mettendo cura e impegno in ogni piccolo gesto che si nasconde dietro l’accoglienza dei nostri ospiti. Ci sentiamo custodi della bellezza, della ricchezza e dell’autenticità della Toscana. Vogliamo condividerne con voi un’esperienza unica offrendovi con orgoglio i frutti del nostro lavoro.

Siamo Susanna e Fausto, Guardastelle è la nostra casa e la nostra storia.

La storia di Guardastelle

Guardastelle affonda le sue origini in un passato molto lontano che rende difficile ricostruirne con precisione la storia. Ciò che però possiamo affermare con una certa sicurezza è che la parte centrale della casa sia stata edificata a metà del 1400 quando le proprietà della famiglia Guicciardini si estendevano per centinaia di ettari nella Val d’Elsa Senese.

Un indizio evidente è la tecnica con cui sono state costruite le sue mura. Durante i lavori di ristrutturazione infatti si è scoperto che ogni parete era composta da due strati di mattoni tra i quali era lasciato un’intercapedine riempita con dei detriti come coibentazione. La stessa tecnica che fu utilizzata anche per erigere proprio in quei secoli le imponenti torri che hanno valso a San Gimignano il soprannome di Manhattan del Medioevo e alla cui ombra trovarono riparo e conforto i pellegrini che attraverso la via francigena si recavano a Roma.

Ampliata durante i secoli per alloggiare i figli dei contadini, l’ultima parte della casa fu costruita negli anni ’50. Il podere era a tutti gli effetti una fattoria: circondato da uliveti e vigneti aveva una legnaia, un fienile, la porcilaia, una cantina e un frantoio.

Nel 1984 fu acquistato da Sestilio, il padre di Susanna, in pessime condizioni: la casa era quasi completamente distrutta e solo una piccola parte era adibita ad abitazione. Ma la vista unica su San Gimignano e lo sguardo che si perdeva tra vigneti e colline, sprigionavano anche allora un richiamo irresistibile. Il suo desiderio di ritrovare lo spirito della vita di campagna insieme alla famiglia si è però realizzato solo per breve tempo a causa della sua morte prematura.

Per amore del padre Susanna, seppur giovanissima, ha preso le redini dell’azienda vitivinicola per evitare che fosse venduta, interessandosi alle vigne e agli oliveti i cui frutti venivano venduti ad altri produttori. Con passione crescente decise nel 1997 di iniziare a vinificare le proprie uve nella cantina costruita e attrezzata dal padre producendo vini e olio extra vergine di oliva con il marchio Sevestro in Poggio. Nel 2003 diede il via ai lavori di ristrutturazione della casa ripartendo da fondamenta, pavimenti, tetti, impianti, recuperando ove possibile i materiali originali o utilizzandone di nuovi di provenienza locale e donando a Guardastelle, dopo quattro anni di lavori, il suo aspetto attuale.